Le molecole ottenibili attraverso tale tecnologia possiedono inoltre una grande versatilità, che ne permette l’applicazione anche all’infuori del settore delle bio-plastiche, per un mercato globale totale di circa 20 miliardi di dollari ed avente un tasso di crescita circa del 15%.

Ad oggi la maggior parte delle plastiche viene prodotta da petrolio, utilizzando quindi fonti inquinanti e costose. Le alternative BIO attualmente presenti sul mercato fanno uso di fonti di origine vegetale, ma i processi produttivi sono ancora relativamente costosi e ciò si ripercuote sul prezzo di mercato del prodotto finito. Una volta ottimizzato, il processo GC-PD potrà garantire una soluzione economica e a basso impatto ambientale, dando una svolta a questo ramo del’industria chimica.

Infine, implementando questa tecnologia all’attuale filiera del siero di latte, sarà possibile valorizzare al 100% uno scarto tipico del territorio, chiudendo il ciclo dei rifiuti rispettando a pieno i principi dell’economia circolare.